Offer Remote Assistance (Active Directory) – Offrire Assistenza Remota (Active Directory)

Al giorno d’oggi uno dei bisogni più comuni alle realtà aziendali è quello di avere la possibilità di controllare da remoto i personal computer degli utenti per poter offrire un adeguato supporto per la risoluzione di problematiche comuni, molti pensano che questo scopo possa essere raggiunto soltanto utilizzando programmi specifici per questo tipo di attività, quelli più conosciuti sono sicuramente i programmi di amministrazione remota basati sul protocollo VNC, chi di noi non lo ha mai sentito nominare almeno una volta?

Questo articolo vi illustrerà come sfruttare le funzionalità introdotte da Windows XP Professional e da Windows Server 2003 per poter mettere in pratica quanto descritto sopra senza dover utilizzare servizi aggiuntivi a quelli già presenti all’interno dei sistemi operativi microsoft.

Premessa: per poter seguire questo articolo sono necessarie conoscenze basilari sulle Group Policy in ambiente di dominio Microsoft Active Directory.

Uno dei nuovi servizi che sono stati introdotti all’interno del sistema operativo Windows XP è quello di assistenza remota, in pochi lo sanno ma tramite la Guida in linea e supporto tecnico di windows è possibile accedere ad un menu nel quale l’utente che sta utilizzano il computer ha la facoltà di generare dei ticket che hanno lo scopo di richiedere assistenza remota ad un altro utente definito Helper o expert. L’assistenza remota permette all’utente esperto di prendere il controllo remoto del desktop della persona che ha richiesto l’assistenza e permette inoltre di avviare congiuntamente una sessione di chat sia scritta che vocale. Il problema principale di questo servizio è che in realtà la generazione dei ticket non è molto user-friendly e quindi non è di immediato utilizzo per un utente non molto esperto, a questo punto la domanda è: è possibile offrire l'assistenza remota senza dover perforza ricevere un ticket da un utente che la richiede?

Grazie ai nuovi oggetti Group Policy introdotti con Windows Server 2003 possiamo facilmente rendere i desktop della rete accessibili per l’assistenza remota senza dover perforza utilizzare il sistema di tickets appena descritto.

Create un nuovo oggetto Group Policy e aprite il Group Policy editor di Windows Server 2003 (consiglio di utilizzare la GPMC scaricabile gratuitamente dal sito microsoft).

Recatevi nella sezione:

Computer Configuration\Administrative Templates\System\Remote Assistance
remote_assistance_shot1.gif


In questa sezione troverete la politica Offer Remote Assistance, se questa politica viene abilitata vi permette le seguenti impostazioni

remote_assistance_shot2.gif


Permit remote Control of this computer da la possibilità di stabilire se l’esperto che contatterà un PC del dominio avrà diritto al controllo remoto completo dello stesso oppure se la sua attività sarà limitata alla semplice visualizzazione del desktop remoto.

Il pulsante Helper Show da la possibilità di stabilire quali utenti o gruppi di utenti potranno fornire assistenza remota ai PC del dominio, per mezzo del pulsante Add potete aggiungere gli oggetti del vostro dominio che dovranno essere inseriti utilizzando la sintassi:

NOME_DOMINIO\Utente

oppure

NOME_DOMINIO\Gruppo

Una volta terminata e accettata l’impostazione di queste poche configurazioni i PC della rete, al loro sucessivo riavvio, saranno pronti a ricevere offerte di assistenza remota dagli utenti Helper configurati all’interno dell’oggetto Group Policy in questione.

In pratica: offrire assistenza remota ad un computer

Da un computer Windows XP Professional o Windows Server 2003 aprite la Guida in linea e supporto tecnico ed entrate nella sezione “Utilizza gli strumenti per visualizzare le informazioni sul computer e per diagnosticare eventuali problemi”

remote_assistance_shot3.gif


Sucessivamente si aprirà una pagina aggiuntiva che presenta un menu laterale nel quale potrete selezionare la voce “Offrire Assistenza remota”

remote_assistance_shot4.gif


Seguite le indicazioni fornite dallo strumento.

Di seguito trovate uno screenshot dell’assistenza remota in funzione:

remote_assistance_shot5.gif


Va fatto notare che nessun tipo di operazione (né la visualizzazione del desktop, né il controllo completo) può essere eseguita sul PC remoto senza l’autorizzazione esplicita dell’utente che richiede l’assistenza il quale sarà chiamato ogni volta a rispondere affermativamente ad una richiesta di autorizzazione.

N.B. Per permettere all’assistenza remota di funzionare correttamente dovrete accertarvi che per i PC che dovranno essere contattati dagli utenti Helper sia accessibile la porta 3389 (Terminal Services) e che il componente DCOM sia abilitato nel registro di sistema (

HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Ole

valore stringa “EnableDCOM = Yes”).

Autore

Mirko Iodice
mirko -at- notageek (.dot) it

Print This Email this Twit This! Add to del.icio.us Share on Facebook Digg This! Stumble It! AddThis! Share on Segnalo Alice Share on OKNotizie

Post Metadata

Data
13 giugno 2007

Autore
Mirko

Categorie

Lascia un commento